L’aviatore Dro

Esodo Pratelli
L’aviatore Dro, 1913
olio magro su tela
195 x 144 cm
I suoi bozzetti per L’Aviatore Dro, opera lirica scritta dal cugino Balilla Pratella, sono la prima progettazione scenica ufficialmente futurista. Realizzati a Parigi nel 1913 risentono del cromatismo fauves promosso dagli scenografi di Diaghilev per il quale egli lavorò come decoratore di scena, a partire dal 1911.
Eroe dannunziano, Dro vede nell’esperienza del volo la possibilità di liberare lo spirito dal peso e dall’opacità della materia.
(cfr. Giovanni Lista, Lo Spettacolo Futurista)

Dello stesso Tema

Degli stessi Anni